| 
Ricerca rapida negli Archivi
Medici Farmacie Aziende Farmaci Parafarmaci Omeopatici Veterinari
       HOME   FARMACO   PARAFARMACO   DISPOSITIVO MEDICO   OMEOPATICO   VETERINARIO   PRINCIPI ATTIVI   NOTE CUF   TICKET   USO DEL FARMACO  
   Ospedali  l   Asl  l   Irccs  l   Trapianti  l   Consultori  l   Analisi di laboratorio  l   Automedicazione  l   Glossario  l   Pronto soccorso  



Seguici su        Google+  

Elenco Foglietti illustrativi Monografie dei Farmaci 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R  

S    T     U    V     W    X     Y    Z

REFACTO AF IV 1FL 500UI FL 4ML

  Foglietto illustrativo Monografia REFACTO AF IV 1FL 500UI FL 4ML


DENOMINAZIONE:
REFACTO AF 500 UI POLVERE E SOLVENTE PER SOLUZIONE INIETTABILE


CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Antiemorragici: fattore VIII della coagulazione del sangue.


PRINCIPI ATTIVI:
Ogni flaconcino contiene nominalmente 500 UI di moroctocog alfa (fattore VIII della coagulazione, ricombinante). Dopo ricostituzione con i 4ml di soluzione per iniezione di cloruro di sodio 9 mg/ml (0,9%) fornita, ogni ml della soluzione contiene approssimativamente 125 UI/ml dimoroctocog alfa.


ECCIPIENTI:
Polvere: saccarosio, cloruro di calcio diidrato, L-Istidina, polisorbato 80, cloruro di sodio. Solvente: cloruro di sodio in acqua per preparazioni iniettabili.


INDICAZIONI:
Trattamento e profilassi di episodi emorragici in pazienti affetti daemofilia A (deficienza congenita del fattore VIII). ReFacto AF e' adatto per l'impiego negli adulti e nei bambini di qualsiasi eta', compresi i neonati. Non contiene il fattore di von Willebrand, e quindi non e' indicato nella malattia di von Willebrand.


CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:
Ipersensibilita' nota verso il principio attivo o uno qualsiasi deglieccipienti. Reazioni allergiche pregresse alle proteine di criceto.




POSOLOGIA:
Se si prescrive ad un paziente normalmente trattato con XYNTHA, il medico puo' prendere in considerazione l'aggiustamento del dosaggio terapeutico sulla base dei valori del recupero del fattore VIII. Si devonoavvertire i soggetti affetti da emofilia A di portare con se' una quantita' adeguata di medicinale a base di fattore VIII, sulla base dellaposologia seguita, per il trattamento previsto in caso di viaggi. Si devono avvertire i pazienti di consultarsi con il loro medico prima diviaggiare. Il dosaggio e la durata della terapia sostitutiva dipendonodalla gravita' della carenza del fattore VIII, dalla localizzazione edall'entita' dell'emorragia nonche' dalle condizioni cliniche del paziente. Le dosi somministrate devono essere titolate sulla base della risposta clinica del paziente. In presenza di un inibitore, potrebberorichiedersi dosaggi maggiori o un trattamento specifico adeguato. Negli studi clinici non e' stato studiato l'adeguamento del dosaggio per pazienti con compromissione renale o epatica. Il numero di unita' di fattore VIII somministrate e' espresso in Unita' Internazionali (UI), che sono correlate allo standard attuale dell'OMS per i prodotti contenenti fattore VIII. L'attivita' plasmatica del fattore VIII e' espressao in percentuale (rispetto al plasma umano normale) o in Unita' Internazionali (rispetto ad uno Standard Internazionale per il fattore VIIIplasmatico). Un'Unita' Internazionale (UI) di attivita' del fattore VIII e' equivalente alla quantita' di fattore VIII presente in 1 ml di plasma umano normale. Il calcolo del dosaggio richiesto di fattore VIIIsi basa sulla considerazione empirica che 1 Unita' Internazionale (UI) di fattore VIII per kg di peso corporeo aumenta l'attivita' plasmatica del fattore VIII di 2 UI/dl. Il dosaggio richiesto e' calcolato utilizzando la seguente formula: Unita' richieste = peso corporeo (kg) xincremento (% o UI/dl) del fattore VIII desiderato x 0,5 (UI/kg per UI/dl) La dose da somministrare e la frequenza di somministrazione devono essere sempre orientate all'efficacia clinica nel singolo caso. Nella eventualita' dei seguenti episodi emorragici, l'attivita' del fattore VIII non deve scendere al di sotto dei livelli plasmatici forniti (in % del valore normale o in UI/dl) nel corrispondente periodo. La seguente tabella puo' essere utilizzata come riferimento per il dosaggio negli episodi emorragici ed in chirurgia. >>Emorragia. Emartro iniziale, sanguinamento muscolare o del cavo orale. Livelli di fattore VIII richiesti: 20-40% o UI/dl, ripetere ogni 12-24 ore. Almeno 1 giorno finoa risoluzione dell'episodio di sanguinamento come indicato dal doloreo al raggiungimento dell'emostasi. Emartro piu' marcato, sanguinamento muscolare o ematoma. Livelli di fattore VIII richiesti: 30-60% o UI/dl, ripetere l'infusione ogni 12-24 ore per 3-4 giorni o piu' fino a risoluzione del dolore e della disabilita' acuta. Emorragie pericoloseper la vita. Livelli di fattore VIII richiesti: 60-100& o UI/dl, ripetere l'infusione ogni 8-24 ore finche' il pericolo sia terminato. >>Operazioni chirurgiche. Minori, incluse le estrazioni dentali. Livelli difattore VIII richiesti: 30-60% o UI/dl, ogni 24 ore, per almeno 1 giorno, fino al raggiungimento della cicatrizzazione. Maggiori. Livelli di fattore VIII richiesti: 80-100% o UI/dl (pre- e post- operazione), ripetere l'infusione ogni 8-24 ore fino ad una cicatrizzazione adeguatadella ferita, poi continuare la terapia per almeno altri 7 giorni permantenere una attivita' del fattore VIII dal 30% al 60% (UI/dl). Durante il corso del trattamento, si raccomanda un'appropriata determinazione dei livelli del fattore VIII per la regolazione della dose da somministrare e la frequenza di infusioni ripetute. Nella eventualita' diinterventi chirurgici maggiori, in particolare, e' indispensabile un preciso monitoraggio della terapia sostitutiva mediante l'analisi dellacoagulazione (attivita' plasmatica del fattore VIII). I singoli pazienti possono avere una risposta variabile al fattore VIII, raggiungendolivelli diversi di recupero in vivo e mostrando emivite differenti. Per la profilassi a lungo termine contro le emorragie in pazienti affetti da emofilia A grave, il dosaggio usuale e' tra 20 e 40 UI di fattore VIII per kg di peso corporeo ad intervalli di 2-3 giorni. In alcunicasi, soprattutto nei pazienti piu' giovani, possono rendersi necessari intervalli di somministrazione piu' ravvicinati o dosi di farmaco maggiori. I pazienti sottoposti a terapia sostitutiva a base di fattoreVIII devono essere controllati per lo sviluppo di inibitori del fattore VIII. Se non si ottengono i livelli plasmatici di attivita' del fattore VIII attesi, o se l'emorragia non e' controllata con una dose adeguata, deve essere eseguito un test al fine di determinare se siano presenti inibitori del fattore VIII. Dati da studi clinici hanno mostratoche se gli inibitori sono presenti a livelli inferiori alle 10 Unita'Bethesda (UB), l'ulteriore somministrazione di fattore antiemofilicopuo' neutralizzare gli inibitori. Nei pazienti con livelli di inibitore superiori a 10 UB , la terapia con fattore VIII puo' non essere efficace ed altre soluzioni terapeutiche devono essere prese in considerazione. La gestione di questi pazienti deve essere affidata ad un medicocon esperienza nel trattamento di pazienti con emofilia. Pazienti pediatrici: quando si trattano bambini piu' piccoli con il farmaco ci sideve aspettare la necessita' di aumentare la dose rispetto a quella utilizzata per gli adulti e i bambini piu' grandi. In uno studio in bambini con eta' inferiore ai 6 anni un'analisi farmacocinetica ha mostrato che l'emivita e il recupero erano inferiori rispetto a quelli osservati in bambini di eta' superiore e agli adulti. Durante gli studi clinici i bambini di eta' inferiore ai 6 anni che seguivano una posologiaprofilattica hanno utilizzato una dose media di 50 UI/kg e hanno riportato una media di 6,1 episodi emorragici l'anno. I bambini di eta' superiore e gli adulti che seguivano posologie profilattiche hanno utilizzato una dose media di 27 UI/kg e hanno riportato una media di 10 episodi emorragici l'anno. In uno studio clinico, la dose media per infusione per episodi emorragici in bambini con eta' inferiore ai 6 anni erapiu' alta della dose media somministrata a bambini di eta' superioree agli adulti (rispettivamente 51,3 UI/kg e 29,3 UI/kg). Metodo di somministrazione: somministrare per iniezione endovenosa (ev) nell'arco di diversi minuti dopo ricostituzione della polvere liofilizzata per iniezione con soluzione iniettabile di cloruro di sodio 9 mg/ml (0,9%) (fornita). La velocita' di infusione deve essere valutata in base allatollerabilita' del paziente.


CONSERVAZIONE:
Conservare e trasportare refrigerato (2 gradi C-8 gradi C). Non congelare, per evitare danni alla siringa preriempita. Il medicinale puo' essere rimosso dal frigorifero per un singolo periodo massimo di 3 mesia temperatura ambiente (fino a 25 gradi C).Al termine di questo periodo di conservazione a temperatura ambiente, il medicinale non deve essere riposto nuovamente in frigorifero, ma deve essere utilizzato o gettato via. Durante la conservazione, evitare l'esposizione prolungata del flaconcino del prodotto alla luce.


AVVERTENZE:
Come con tutti i prodotti a base di proteine somministrati per via endovenosa, sono possibili reazioni di ipersensibilita' di tipo allergico. Il prodotto contiene tracce di proteine di criceto. I pazienti devono essere informati dei segni premonitori delle reazioni di ipersensibilita' (inclusi orticaria, orticaria generalizzata, senso di oppressione toracica, respiro sibilante, ipotensione) ed anafilassi. Qualora insorgano reazioni allergiche o anafilattiche, si deve interrompere immediatamente la somministrazione del prodotto e iniziare un adeguato trattamento. In caso di shock devono essere messi in atto gli attuali standard medici di trattamento dello shock. Se si manifestasse uno qualsiasi di questi sintomi, si devono avvertire i pazienti di interrompere l'uso del prodotto e di contattare il loro medico o rivolgersi al pronto soccorso, a seconda del tipo e della gravita' della reazione. La formazione di anticorpi neutralizzanti (inibitori) il fattore VIII e' unacomplicanza nota nel trattamento dei pazienti con emofilia A. Questiinibitori sono di solito immunoglobuline IgG dirette contro l'attivita' pro-coagulante del fattore VIII e sono quantificati in Unita' Bethesda (UB) per ml di plasma utilizzando la modifica di Nijmegen al test Bethesda. Il rischio di sviluppare inibitori e' correlato all'esposizione al fattore VIII, ed e' piu' elevato nei primi 20 giorni di esposizione. Sono stati osservati inibitori in pazienti trattati in precedenzache ricevevano prodotti a base di fattore VIII. Sono stati osservaticasi di ricomparsa di inibitori (basso titolo) dopo il passaggio da unprodotto contenente fattore VIII ricombinante ad un altro, in pazienti trattati in precedenza, con piu' di 100 giorni di esposizione e conanamnesi positiva per lo sviluppo di inibitori. I pazienti trattati con fattore VIII della coagulazione ricombinante devono essere attentamente monitorati per lo sviluppo degli inibitori mediante appropriate visite cliniche e test di laboratorio. Sono state ricevute durante gli studi clinici e nel contesto post-marketing segnalazioni di mancanza diefficacia, principalmente nei pazienti in profilassi. La mancanza diefficacia e' stata descritta come sanguinamento nelle articolazioni target, sanguinamento in nuove articolazioni oppure una sensazione soggettiva del paziente di insorgenza di nuovo sanguinamento. Quando si prescrive il farmaco, e' importante titolare e monitorare individualmenteper ogni paziente i livelli di fattore VIII per assicurare un'adeguata risposta terapeutica. Nell'interesse della sicurezza dei pazienti, si raccomanda di prendere nota del nome sulla confezione ed il numero di lotto del prodotto ad ogni somministrazione del medicinale. I pazienti possono incollare una delle etichette rimovibili applicate sul flaconcino per tracciare il numero di lotto sul loro diario o per segnalare eventuali effetti indesiderati.


INTERAZIONI:
Non sono stati effettuati studi di interazione.


EFFETTI INDESIDERATI:
Inibizione del fattore VIII: e' ben noto il fenomeno della comparsa dianticorpi neutralizzanti l'attivita' del fattore VIII (inibitori) neltrattamento di pazienti affetti da emofilia A. Come per tutti i prodotti a base di fattore VIII della coagulazione, i pazienti devono essere monitorati per lo sviluppo di inibitori che devono essere titolati in Unita' Bethesda (UB) utilizzando la modifica di Nijmegen al test Bethesda. Se insorgono simili inibitori, tale condizione puo' manifestarsi come risposta clinica insufficiente. In questi casi, si raccomanda di contattare un centro specializzato nella cura dell'emofilia. In unostudio clinico in pazienti trattati in precedenza, l'incidenza degli inibitori del fattore VIII rappresentava l'endpoint primario per la sicurezza. Sono stati osservati inibitori a basso titolo, transitori in due pazienti su 94, con un'esposizione mediana di 76 giorni di esposizione (ED, intervallo 1-92) corrispondenti a 2,2% degli 89 pazienti conalmeno 50 ED. In uno studio di supporto con il farmaco, erano stati osservati un caso di comparsa de novo di inibitori e due casi di ricomparsa di inibitori su 110 pazienti (tutti a basso titolo, determinazionedel laboratorio centrale); in questi studi di supporto, 110 pazientihanno avuto un'esposizione mediana di 58 ED al medicinale (intervallo5-140) e 98 pazienti hanno avuto almeno hanno avuto un'esposizione mediana di 50 ED al prodotto; 98 dei 110 pazienti originali hanno continuato il trattamento in un secondo studio di supporto e hanno avuto unasuccessiva esposizione al prodottocon mediana di 169 ED addizionali (intervallo 9-425). E' stato osservato un (1) addizionale inibitore a basso titolo de novo. La frequenza degli inibitori osservati in questi studi e' all'interno di un intervallo atteso. In uno studio clinico conil medicinale in PTP, 1 inibitore e' stato osservato in 113 pazienti.Inoltre vi sono state segnalazioni spontanee post-marketing di inibitori ad alto titolo che hanno coinvolto pazienti trattati in precedenza. Non ci sono dati clinici su pazienti non trattati in precedenza (PUP) con il medicinale. Tuttavia sono in programma studi clinici su pazienti non trattati in precedenza (PUP) con il prodotto. In uno studio clinico, 32 pazienti non trattati in precedenza ( previously untreated patients, PUP) su 101 (32%) trattati con il prodotto hanno sviluppato inibitori: 16 su 101 (16%) con un titolo > 5 UB e 16 su 101 (16%) con un titolo <= 5 UB. Il numero mediano di giorni di esposizione fino allosviluppo dell'inibitore in questi pazienti era di 12 giorni (intervallo di 3-49 giorni). Dei 16 pazienti con un titolo elevato, 15 hanno ricevuto un trattamento per l'immunotolleranza (IT). Dei 16 pazienti conbasso titolo, e' stato iniziato il trattamento per l'IT in 10 pazienti. Il trattamento per l'IT ha avuto un'efficacia del 73% nei pazienticon alto titolo e del 90 % nei pazienti con basso titolo. Per tutti i101 PUP trattati, indipendentemente dallo sviluppo di inibitore, il numero mediano di giorni di esposizione e' di 197 giorni (intervallo di1-1299 giorni). Frequenze delle reazioni avverse: molto comune (>=1/10); comune (>=1/100 fino a <1/10); e non comune (da >= 1/1000 a <1/100). All'interno di ogni raggruppamento, gli effetti indesiderati sono presentati in ordine decrescente di gravita'. Patologie del sistema emolinfopoietico. Molto comune (>=1/10): inibitori del fattore VIII-PUP; comune (>=1/100, <1/10): inibitori del fattore VIII-PTP. Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Non comune (>=1/1000 a <1/100): anoressia. Patologie del sistema nervoso. Comune: cefalea; non comune: neuropatia, capogiro, sonnolenza, disgeusia. Patologie cardiache. Non comune: angina pectoris, tachicardia, palpitazioni. Patologie vascolari. Comune: emorragia/ematoma; non comune: ipotensione, tromboflebite, vasodilatazione, vampate. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche.Non comune: dispnea, tosse. Patologie gastrointestinali. Molto comune: vomito; comune: nausea; non comune: dolore addominale, diarrea. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non comune: orticaria, prurito, eruzione cutanea, iperidrosi. Patologie del sistema muscoloscheletrico, del tessuto connettivo e dell'osso. Comune: artralgia; non comune: mialgia. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede disomministrazione. Comune: astenia, piressia; non comune: brividi/sensazione di freddo, infiammazione del sito di iniezione, reazione al sito di iniezione, dolore al sito di iniezione. Esami diagnostici. Non comune: aumento dell'aspartato amminotransferasi, aumento della bilirubina ematica, aumento della creatina fosfochinasi ematica. Procedure mediche e chirurgiche. Comune: complicanze dell'accesso vascolare.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:
Non sono stati condotti studi con il fattore VIII sulla riproduzione animale. Essendo rara l'insorgenza dell'emofilia A nelle donne, non siha esperienza sull'uso del fattore VIII durante la gravidanza e l'allattamento. Quindi, il fattore VIII deve essere utilizzato durante la gravidanza e l'allattamento solo se chiaramente indicato.

Elenco Farmaci Schede tecniche 



A    B     C    D     E    F     G    H     I

    J     K    L     M    N     O    P     Q    R    

S    T     U    V     W    X     Y    Z


Ulteriori informazioni su:


Principio attivo:

Prescrivibilità

Tipo di ricetta

Forma farmaceutica

ATC

Glutine

Prezzo





  SCHEDA TECNICA REFACTO AF IV 1FL 500UI FL 4ML
L'INFORMAZIONE FARMACEUTICA


 Farmaci

 Parafarmaci

 Prodotti veterinari

 Rimedi omeopatici

 Ticket

 Note cuf


PER LA CURA DELLA SALUTE


 Studi medici

 Presidi sanitari

 Emergenze sanitarie

 Aziende produttrici

 Aziende Rivenditrici

 Farmacie


E' ANCHE UTILE SAPERE


 Automedicazione

 Pronto soccorso

 Farmaci:
Istruzioni per l'uso


 Glossario


CENTRI DI DIAGNOSI E CURA


 Analisi di laboratorio

 Consultori

 Irccs: Pubblici e Privati

 Ospedali

 Servizio Sanitario Nazionale

 Centri trapianto organi



 N.B.: Sono i Medici ed i Farmacisti gli unici professionisti abilitati a prescrivere ed a suggerire farmaci e cure


BACK HOME



La Salute sul Web
I grandi Portali d'informazione bio-medica e farmaceutica di Pagine sanitarie
  frecce


 




 


 

 

 


Euromedia srl
Compagnia Internazionale di Servizi P. Iva 06636680636
è l'editore di tutti i Siti del Network Pagine sanitarie on line
Sono marchi registrati: Paginesanitarieonline Reg. N.0000957916
Paginesanitarie.com Reg. N.0000957915
Esan Reg. N.0000957914
E' vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.paginesanitarie.com/logo-shinystat.gif http://www.paginesanitarie.com/audiweb-logo.jpg

© Network Pagine sanitarie on line - Copyright Euromedia srl - privacy
All rights reserved